Trofeo Italia U 15 PDF Stampa E-mail
Giovedì 18 Maggio 2017 00:00
TrofeoItaliaJUDO1
TrofeoItaliaJUDO2

Si è svolta a Fidenza domenica 14 maggio la seconda tappa del Trofeo Italia U 15 di judo.

L’OK club si presenta in gara con un bel gruppo di atleti alcuni allo loro prima esperienza nel circuito Nazionale, altri ormai esperti.

Nicola Saglietto affronta al primo turno il Romano Conini, ma nonostante un ottima condotta di gara non riesce ad avere la meglio. I 31 kg del bravissimo Nicola non bastano ancora nella cat. al limite dei 40 kg.

Alessandro Ferri nella categoria 45 kg perde il primo incontro per passività oltre il tempo regolamentare e non potrà fruire dei recuperi, resta un buon combattimento e la consapevolezza di poter essere tra i protagonisti già al primo anno.

La categoria 45 kg è stata vinta dall’altro imperiese in gara Davide Berghi, che saltato il primo turno di diritto in quanto testa di serie numero 2 della Ranking supera nell’ordine il ligure Morelli, l’emiliano Zolezi, il sardo Solina per arrivare in semi finale contro il Laziale Misoaga con il quale da vita a un incontro bellissimo, e accede alla Finale dove ad attenderlo c’è il romano Casale contro il quale Davide aveva perso nel mese di marzo all’internazionale di Genova per aver messo un piede fuori dal quadrato di gara, ma questa volta il secondo posto non sembra essere davvero il desiderio di Davide che conclude l’incontro prima del limite con un tiro di pregevole fattura.

Federico Galletta alla prima esperienza nella nuova categoria dei 50 kg. imposta un buon incontro ma viene letteralmente pescato dal Lombardo Carapezza, la sua gara finisce qui con un pò di rammarico ma con la sicurezza di poter entrare nella rosa dei primi.

Filippo Giromini al limite dei 60 kg affronta la sua prima esperienza nel circuito Italia con grande determinazione e si impone nell’ordine sul lombardo Giordano, sul laziale Cianfano e sull’emiliano Di Giovanni perdendo ai quarti di finale con Raffaeli che finirà 2°, i recuperi lo vedono ancora cedere di misura, nona posizione per lui e i primi punti in ranking.

Ottimi segnali durante il pomeriggio dalle categorie femminili dove la prima imperiese a scendere in gara è Rachele Petunia che alla sua prima esperienza combatte davvero bene ma non riesce a superare la sua avversaria.

Isabella Rimondo atleta esperta già medagliata al al circuito Italia, deve abbandonare la gara al secondo incontro per un infortunio che la terrà ferma per una ventina di giorni.

Giulia Ghiglione è veramente concentrata e conduce una gara davvero senza sbavature, peccato la semifinale dove alcune interpretazioni del regolamento la relegano alla finalina per il terzo e quinto posto, stupenda vittoria per Giulia che porta a casa il bronzo e preziosi punti.

Ottime sensazioni confermano il lavoro fatto, ora siamo già con la testa sul trofeo Sharin che vedrà impegnati i nostri ragazzi domenica 21 maggio a Savona

 
Mai più IN-DIFESA PDF Stampa E-mail
Giovedì 04 Maggio 2017 00:00

ManifestoDifesaFemminile2017

La violenza sulle donne è purtroppo un fatto tristemente ricorrente, un fenomeno drammatico ancora molto radicato anche nel mondo occidentale.

La Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali, FIJLKAM, ha elaborato da tempo un metodo sintetico di difesa personale denominato M.G.A. (Metodo Globale Autodifesa) che può essere insegnato ed impiegato a tutti i livelli, dalla persona totalmente a digiuno di arti marziali e a situazioni di combattimento fino agli appartenenti alle forze dell’ordine.

 Gli Assessorati allo Sport e alle Pari Opportunità/Attività Educative del Comune di Imperia, in collaborazione con il Comitato Regionale FIJLKAM settore M.G.A., organizzano un progetto pilota di difesa personale rivolto alle studentesse delle classi IV degli Istituti di Istruzione Superiore della Città.

 Il corso si svolgerà nelle giornate del 17 e 18 giugno p.v. presso la palestra della A.S.D. OK Club, in via XXV Aprile, 72 a Imperia, e avrà una durata complessiva di 8 ore, le lezioni saranno tenute a titolo gratuito da tecnici federali dell’OK Club abilitati all’insegnamento del Metodo Globale Autodifesa FIJLKAM.

Le adesioni dovranno essere comunicate dalla scuola al seguente indirizzo email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. entro e non oltre il 19 maggio p.v.

Per informazioni contattare: Daniele 338 4906187, Franco 335 6770806

 

 
Grand Prix Italia Cadetti PDF Stampa E-mail
Mercoledì 26 Aprile 2017 00:00

GrandPrixCatania2017

È stata l’ultima tappa del Grand Prix Italia under 18 prima dei campionati Italiani quella che si è svolta a Catania lo scorso 22 aprile e che ha visto la partecipazione di quasi 300 fra i migliori atleti provenienti da tutta la penisola.

L’OK Club non ha mai saltato un appuntamento di questa importante competizione che contribuisce alla definizione della ranking lista nazionale ed ha portato in Sicilia i suo i migliori atleti in questa categoria.

Il primo a salire sul tatami è Marco Viani che, al limite dei 60 kg, non riceve sconti e deve partire subito con incontri difficili in una pool di atleti fortissimi dove non sono ammessi errori.

Marco combatte come un leone in un crescendo impressionante che lo porta in semifinale col forte Michele Ronzoni, primo della ranking list, l’incontro è ai massimi livelli ma purtroppo l’atleta Imperiese paga la fatica del precedente incontro andato oltre il limite e durato ben otto minuti e subisce un punto dall’avversario che gli costa il podio

Un ottimo 5° posto per Marco che gli assicura l’accesso alla Finale Nazionale under 18.

Nel pomeriggio iniziano le categorie femminili, le prime a salire sul tatami nella categoria al limite dei 70 kg sono Arianna Conti e Nadia Arfaoui atlete fortissime ai vertici della categoria.

Entrambe passano il primo incontro per sorteggio ma vengono fermate al secondo da atlete molto forti, rientrate nei recuperi vincono il primo incontro e la finalina conquistando una splendida medagli a di bronzo, anche per Arianna e Nadia accesso sicuro alla Finale Nazionale.

Althea Secchi difende i colori dell’OK Club nella categoria al limite dei 48 kg, l’agitazione gioca un brutto scherzo al primo incontro nel quale non riesce a prendere in mano la situazione con un’avversaria assolutamente alla sua portata, anche lei ripescata trova la giusta concentrazione e risale posizioni nella pool con determinazione e impegno arrivando a conquistare un meritato 3° posto.

Marta Brignola nei 57 kg dà il massimo in una categoria sempre molto difficile, supera di autorità il primo incontro e si ritrova, al secondo, la forte Asia Lorenzon che arriverà prima.

Un errore di Marta permette all’avversaria di portare a termine uno shime waza che purtroppo le costa l’incontro e la gara, ottimi segnali comunque da Marta, atleta ancora giovane ma con grandi potenzialità.

Il bilancio della gara è nettamente positivo, commenta il coach Franco Viani, l’OK Club con soli cinque atleti si posizione in terza posizione nella classifica per società, segno che il sodalizio imperiese è ai vertici del judo italiano.

 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 10 di 49